i Complementi Circostanziali
di Tempo Continuato

testo - pag.1

Il terribile Franti

Il brano di seguito riportato è tratto dal romanzo "Cuore" di E. De Amicis, il cui protagonista Enrico Bottini annota quotidianamente le vicende della sua classe. In questo passo Franti, la pecora nera della classe, si fa espellere 

Fu sospeso dalla scuola per tre giorni, e tornò più tristo e più insolente di prima. Derossi gli disse un giorno: <<Ma finiscila, vedi che il maestro ci soffre troppo>> ed egli lo minacciò di piantargli un chiodi nel ventre. Ma questa mattina, finalmente, si fece scacciare come un cane. Mentre il maestro dava a Garrone la brutta copia del "Tamburino sardo", il racconto mensile di gennaio, da trascrivere, egli gittò sul pavimento un petardo che scoppiò facendo rintronar la scuola come una fucilata. Tutta la classe ebbe un riscossone. Il maestro balzò in piedi e gridò: - Franti! Fuori di scuola! - Egli rispose: - Non son io! - Ma rideva

 

Cuore, di E. De Amicis

 

 

(prof. Chiodi)


lessico - pag.1

insolente (agg.) = di persona che, nei rapporti con altri, assume un contegno provocatorio, eccessivamente ardito o volutamente offensivo

petardo (n.) = piccola carica di polvere, destinata a propagare l'accensione ad altri esplosivi o adoperata nelle miniere per frantumare grossi blocchi

riscossone (n.) = soprassalto

(prof. Chiodi)


guida - pag.1

- L'obiettivo della lezione è spiegare il complemento di tempo continuato

- Dare la definizione di questo complemento in quanto indicante la durata dell'azione nel tempo, introdotto dalle preposizioni "per, in, durante, oltre" o da locuzioni e avverbi (spesso lo troviamo anche senza preposizioni)

Es.: Laura ha studiato per tutto il giorno; durante la discussione della sua tesi, Marina si è emozionata; Paolo ha nuotato per due ore

Dunque le domande fondamentali cui risponde questo complemento sono "da quanto tempo, fino a quando, in quanto tempo?". E' evidente infatti, come nelle frasi precedenti, il complemento esprima la durata dell'azione nel tempo

- Invitare gli studenti ad individuare i complementi di tempo continuato nel passo di riferimento della scheda

- Confrontare queste due frasi, per comprendere meglio la differenza tra complemento di tempo determinato e complemento di tempo continuato:

Ieri ho nuotato tanto da stancarmi moltissimo; ho nuotato per due ore

Nella prima frase c'è la determinazione di tempo esatta di quando è avvenuta l'azione espressa dall'avverbio "ieri", nella seconda frase l'azione non avviene in un tempo determinato ma è continua nel tempo

Conclusioni: per individuare il complemento di tempo continuato è fondamentale porsi la domanda "per quanto tempo?"

(prof. Chiodi)


teoria - pag.1

Il Complemento di Tempo Continuato, indica la durata del tempo in cui si svolge l'azione.

Per capire se nella nostra frase c'è un complemento di tempo continuato, proviamo a vedere

se risponde alle domande: 

- Per quanto tempo?

- Durante quale periodo?

- in quale momento?

Questo complemento può essere costituito da un avverbio (sempre, spesso, mai, qualche volta ecc),

o da una locuzione avverbiale ( per sempre, a volte ecc). In questo caso abbiamo un

Complemento Avverbiale di Tempo.

(prof. Verdona)


esercizi - pag.1

1) Componi delle frasi che contengano il complemento di tempo continuato

2) Scegli un passo della tua antologia e insieme alla tua insegnante individua i complementi di tempo, distinguendo e motivando la loro distinzione

3) Individua i/il complemento di tempo continuato nel testo di riferimento e sostituiscilo con un complemento di tempo determinato: cosa cambia?

(prof. Verdona)

indice del sito