Alterazioni e Lessicalizzazioni
Sostantivi Composti

testo - pag.1

Gli analfabeti delle emozioni. 

 

Oggi l'educazione emotiva è lasciata al caso, e tutti gli studi e le statistiche concordano a segnalare la tendenza, nell'attuale generazione, ad avere un maggior numero di problemi emozionali rispetto a quelle precedenti. E questo perché oggi i giovanissimi sono più soli e più depressi, più rabbiosi e ribelli, più nervosi e impulsivi, più aggressivi e quindi impreparati alla vita, perché privi di quegli strumenti emotivi indispensabili per dare avvio a quei comportamenti quali l'autoconsapevolezza, l'autocontrollo, l'empatia, senza i quali saranno sì capaci di parlare, ma non di ascoltare, di risolvere i conflitti, di cooperare. 

(U. Galimberti, in "La Repubblica", 5 ottobre 2002)

(prof. Pisani)


lessico - pag.1

emotiva: legata alle emozioni, ai sentimenti

concordano: sono d'accordo

autoconsapevolezza: è l'essere coscienti di se stessi, della propria esistenza e delle proprie caratteristiche ed emozioni

empatia: è la capacità di capire pienamente lo stato d'animo degli altri e le loro emozioni, che si tratti di gioia o di dolore

(prof. Pisani)


guida - pag.1

Umberto Galimberti è un filosolofo, esperto di antropologia e filosofia, che scrive spesso su giornali.

Il testo ti propone un breve passaggio di un suo articolo, appunto, in cui parla dei giovani e del loro disagio; il lessico usato non è semplicissimo (motivo per cui ti abbiamo messo alcuni aiuti nella voce LESSICO), ma il contenuto è intuibile.

L'autore parla di "educazione emotiva": cosa intende secondo te? Hai mai incontrato una figura adulta che ti abbia aiutato e guidato in questo senso?

Sempre secondo l'autore, tu ed i tuoi coetanei avreste molto problemi emozionali da cui deriverebbero tutta una serie di atteggiamenti e sentimenti negativi: ti riconosci in questo? In tutto, in parte o per niente? Se sì, in cosa e perché?

E' vero secondo te che sei meno preparato alla vita dei ragazzi di un tempo? In che senso?

Galimberti parla anche di una certa difficoltà ad ascoltare: la riconosci anche tu? Perché secondo te è difficile l'ascolto dell'altro?

(proff. Arnoldi e Paini)


teoria - pag.1

Sono parole formate dall'unione di due termini, ognuno con significato proprio. Il risultato di tale unione corrisponde ad un nuovo significato.

Unioni possibili

nome + nome = capocantiere

nome + aggettivo = terraferma

aggettivo + aggettivo = pianoforte

verbo + nome = portacandela

verbo + verbo = saliscendi

preposizione + nome = sottoveste

avverbio + aggettivo = sempreverde

verbo + avverbio = posapiano

Attenzione! Controlla sempre sul dizionario la formazione del plurale di questi termini.

(proff. Arnoldi e Paini)


esercizi - pag.1

Esercizio n. 1

 

 Se hai già svolto gli esercizi della voce DERIVATI, controlla se hai scritto anche dei nomi composti.

(proff. Arnoldi e Paini)


esercizi - pag.2

Esercizio n. 2

 

 Dividetevi in 4 squadre, quindi ciascuna squadra scriva su due fogli il maggior numero di composti possibili in 2 minuti di tempo (controllati dal professore); allo scadere del tempo, un foglio viene consegnato, l'altro resta al gruppo. A turno si leggono i propri composti: 2 punti se è unico, 1 se altri lo hanno scritto.

(proff. Arnoldi e Paini)


esercizi - pag.3

Esercizio n. 3

 Mettete insieme una lista unica dei composti trovati e per ciascuno ogni studente scriva una frase.

(proff. Arnoldi e Paini)