la Semantica dell'Aggettivo
la Funzione Predicativa e Attributiva

testo - pag.1

Nunziata  

 La sua pelle era chiara, pura e liscia, quasi che perfino la tela, con cui s'asciugava il viso, fosse stata attenta a non sciuparla.

 (da "L'isola di Arturo", di Elsa Morante)

L'Innominato  

Era grande, bruno, calvo; bianchi i pochi capelli che gli rimanevano; rugosa la faccia: a prima vista, gli si sarebbe dato più de' sessant'anni che aveva; ma il contegno, le mosse, la durezza risentita de' lineamenti, il lampeggiar sinistro, ma vivo degli occhi, indicavano una forza di corpo e d'animo, che sarebbe stata straordinaria in un giovane.

 (da "I Promessi Sposi" di A. Manzoni, cap. XX)

(proff. Galeotti e Vecchi)


lessico - pag.1

rugosa = coperta di rughe

contegno = atteggiamento, modo con cui una persona si atteggia, si comporta con gli altri

lampeggiar sinistro = luce cattiva (la mano sinistra era considerata la mano del diavolo, perciò indicava qualcosa di malvagio)

durezza risentita = nei lineamenti del volto si vedeva una notevole durezza, come se l'Innominato fosse in lotta contro tutto e tutti (risentito = che mostra risentimento, cioè rabbia verso qualcuno o qualcosa) 

(proff. Galeotti e Vecchi)


guida - pag.1

Dal testo alla teoria

Puoi individuare la distinzione tra aggettivi con funzione attributiva e aggettivi con funzione predicativa ogni volta che, leggendo un brano o un libro, trovi una qualunque descrizione (di un personaggio, di un ambiente, di un oggetto, di un paesaggio, di un animale, ...) 

Puoi anche fare una lista dello stesso tipo di aggettivi quando in un film si presenta una pausa descrittiva, per confrontare i tuoi con quelli dei tuoi compagni.

Oltre il testo

Puoi anche cercare di capire come gli aggettivi con cui il Manzoni descrive l'Innominato sono resi nello sceneggiato di Bolchi-Bacchelli del 1967, sceneggiato che puoi trovare a questo indirizzo: 

www.youtube.com/watch?v=H10KcSTz4RA

(proff. Galeotti e Vecchi)


teoria - pag.1

L'aggettivo, in rapporto al nome, può assumere due diverse funzioni logiche:

- predicativa quando, in un predicato nominale, lo colleghi al soggetto tramite la copula (voce del verbo essere o di un verbo copulativo)

Esempio: il pranzo che ho gustato ieri al ristorante era squisito

(in analisi logica costituisce la parte nominale o nome del predicato)

- attributiva quando qualifica o determina un sostantivo al quale lo unisci direttamente

Esempio: ieri al ristorante ho gustato un pranzo squisito

(in analisi logica lo devi definire attributo) 

(proff. Galeotti e Vecchi)


esercizi - pag.1

ESERCIZIO 1

Costruisci una frase per ognuno dei seguenti aggettivi, mettendolo prima in funzione attributiva e poi in funzione predicativa:

giovane, ricco, largo, felice, basso, malato, rosso, piccolo, limpido, estroverso.

Discuti poi con i tuoi compagni e con l'insegnante per verificare se la diversa funzione determina una diversa sfumatura di significato nelle frasi

(proff. Galeotti e Vecchi)


esercizi - pag.2

ESERCIZIO 2

Nel brano, evidenzia con colori diversi gli aggettivi in posizione attributiva e predicativa:

Il signore e la signora Dursley, di Privet Drive numero 4, erano orgogliosi di poter affermare che erano perfettamente normali, e grazie tante.

Erano le ultime persone al mondo da cui aspettarsi che avessero a che fare con cose strane o misteriose, perché sciocchezze del genere proprio non le approvavano.

Il signor Dursley era direttore di una ditta di nome Grunnings, che fabbricava trapani. Era un uomo corpulento, nerboruto, quasi senza collo e con un grosso paio di baffi. La signora Dursley era magra, bionda e con un collo quasi due volte più lungo del normale, il che le tornava assai utile, dato che passava gran parte del tempo ad allungarlo oltre la siepe del giardino per spiare i vicini. I Dursley avevano un figlioletto di nome Dudley e secondo loro non esisteva al mondo un bambino più bello.

(J. K. Rowling, "Harry Potter e la pietra filosofale")

(proff. Galeotti e Vecchi)