la Semantica dell'Interiezione
l'Universalità dell'Interiezione

testo - pag.1

PINOCCHIO

— Bravo Polendina! — gridò la solita vocina, che non si capiva di dove uscisse.
A sentirsi chiamar Polendina, compar Geppetto diventò rosso come un peperone dalla bizza, e voltandosi verso il falegname, gli disse imbestialito:  
— Perché mi offendete?
— Chi vi offende?
— Mi avete detto Polendina!...
— Non sono stato io.
— Sta' un po' a vedere che sarò stato io! Io dico che siete stato voi.
— No!
— Sí!
— No!
— Sí!
E riscaldandosi sempre piú, vennero dalle parole ai fatti, e acciuffatisi fra di loro, si graffiarono, si morsero e si sbertucciarono.
Finito il combattimento, mastr'Antonio si trovò fra le mani la parrucca gialla di Geppetto, e Geppetto si accòrse di avere in bocca la parrucca brizzolata del falegname.
— Rendimi la mia parrucca! — gridò mastr'Antonio.
— E tu rendimi la mia, e rifacciamo la pace. —
I due vecchietti, dopo aver ripreso ognuno di loro la propria parrucca, si strinsero la mano e giurarono di rimanere buoni amici per tutta la vita.

da: "Le avventure di Pinocchio" di C. Collodi

(proff. Galeotti e Vecchi)


lessico - pag.1

bizza = stizza (rabbia, ira) improvvisa e di breve durata, termine consueto durante il XVIII secolo

imbestialito = infuriato 

acciuffatisi fra di loro = afferratisi l'un l'altro

sbertucciarono = si maltrattarono a vicenda, si ridussero in cattive condizioni

accòrse = la presenza dell'accento sulla parola serve per farti capire qual è la pronuncia corretta della vocale 
- l'accento grave va da sinistra verso destra (`) e indica il suono aperto delle vocali e ed o;
- l'accento acuto va da destra verso sinistra (´) e indica il suono chiuso delle stesse e ed o.

(proff. Galeotti e Vecchi)


guida - pag.1

Nelle pagine "Testo" della sezione INTERIEZIONE trovi alcuni brani presi da uno dei romanzi di letteratura per ragazzi più famosi al mondo: "Le avventure di Pinocchio" di Carlo Collodi, pseudonimo di Carlo Lorenzini

Sulla lingua

- cerca le espressioni tipiche del toscano che trovi nel romanzo e confrontale con quelle di altri dialetti o dell'italiano (babbo invece di papà)

- cerca le parole (nomi, verbi, aggettivi) o le espressioni e i modi di dire che non sono più usati o che lo sono poco, perché caduti in disuso e a volte usciti addirittura dal vocabolario corrente, per dare spazio ad espressioni più nuove

- trova i modi di dire, tutt'ora in uso, nati dal romanzo (es.: quelli mi sembrano il gatto e la volpe per indicare un duo di imbroglioni)

- un altro grande scrittore italiano quasi contemporaneo a Collodi ha usato il toscano per scrivere il suo romanzo e ha definito il lavoro di revisione linguistica del proprio libro "Risciacquo dei panni in Arno". Sai di quale autore si tratta e di quale opera? 

Sulla struttura

- Pinocchio è considerato una storia fantastica, una storia umoristica, ma anche una favola; trova gli elementi caratteristici di ciascun tipo di testo e confrontali 

- puoi cercare il significato pedagogico del libro, ossia capire quale insegnamento morale voleva trasmettere l'autore quando lo ha pubblicato nel lontano 1881 (in volume nel 1883)

- puoi discutere con i tuoi compagni sulla validità attuale della morale contenuta nel libro

Sul contenuto

Pinocchio è la storia di un percorso di crescita del protagonista, da burattino a bambino, una sorta di romanzo di formazione

- puoi discutere coi tuoi compagni della difficoltà del crescere

- puoi confrontare questo libro con altri romanzi di formazione via via più moderni come "Il giovane Holden" (J. D. Salinger, 1951) o "Jack Frusciante è uscito dal gruppo" (Enrico Brizzi, 1994)

(proff. Galeotti e Vecchi)


teoria - pag.1

Come hai già capito, le esclamazioni sono molto più frequenti nel parlato, se poi consideri che buona parte di esse è costituita dalle interiezioni proprie, puoi renderti conto che esse sono abbastanza universali, nel senso che puoi capire senza troppe difficoltà cosa intende dire o quali emozioni vuole esprimere chi le usa.

(proff. Galeotti e Vecchi)


esercizi - pag.1

ESERCIZIO 1

Costruisci una piccola storia, anche a fumetti, in cui alle battute di un personaggio, l'altro risponde usando le interiezioni.

(proff. Galeotti e Vecchi)


esercizi - pag.2

ESERCIZIO 2

Con i tuoi compagni riscrivete le storie inventate per l'esercizio 1 usando le diverse lingue a disposizione nella classe.

(proff. Galeotti e Vecchi)