Introduzione
Introduzione

testo - pag.1

Fig. 1 Marc Chagall, Il tempo è un fiume senza rive, 1930-39, New York, Museum of Modern Art.

Fig. 2 Marc Chagall, La caduta dell'angelo, 1923-1947, Balilea, Kunstmuseum. 

(prof. Pisani)


lessico - pag.1

Tutta la pittura di Chagall è simbolica. Si dice, infatti, che il suo stile abbia creato un universo di immagini talvolta incomprensibili come i termini di un linguaggio inventato.

Nella prima opera "Il tempo è un fiume senza rive" alcune immagini sembrano comprensibili: il pendolo che indica il tempo e gli amanti che evocano l'amore.

Nella seconda opera "La caduta dell'angelo-demone", che travolge tutto il mondo e tutte le certezze, è emblematico, nell'ambito della raffigurazione della guerra da parte di Chagall, l'angelo trasformato in demone che cade sulla terra, che travolge ogni cosa e ogni simbolo ebraico come i rotoli sacri della Torah. 

(prof. Pisani)


guida - pag.1

Si propone agli studenti l'osservazione di due opere pittoriche di Marc Chagall, pittore russo vissuto dal 1887 al 1985, sollecitando la riflessione sulla capacità dell'arte figurativa di trasferire messaggi.

L'obiettivo di tutte le attività riferite all'analisi delle singole figure retoriche è indurre gli studenti ad una riflessione generale sulle figure retoriche presenti in contesti d'uso differenti da quello letterario, a cui sono più abituati a pensare. Come il linguaggio verbale si avvale delle figure retoriche così fa la pittura, come nel caso di Chagall, per rimandare a concetti diversi da quelli espressi dalla raffiguarazione.

(prof. Pisani)


teoria - pag.1

Le figure retoriche sono gli ornamenti del discorso che conferiscono al linguaggio particolare espressività, ricchezza e vivacità.
Considerando la vastità degli accorgimenti formali, dei processi stilistici letterari e poetici che le caratterizzano, allontanandole dal normale e quotidiano uso linguistico e grammaticale si può tentare una classificazione in tre grandi categorie:

FIGURE RETORICHE DI SUONO O FONETICHE
FIGURE RETORICHE DI ORDINE SINTATTICO O SINTATTICHE
FIGURE RETORICHE DI SPOSTAMENTO DI SIGNIFICATO O SEMANTICHE
riguardano il modo in cui vengono combinati i suoni
riguardano la disposizione delle parole nella frase o delle frasi nel periodo
riguardano il significato, i contenuti delle parole o dell'intera frase

(prof. Pisani)


esercizi - pag.1

Esercizio n. 1


Sei in grado di riconoscere le figure retoriche presenti nei seguenti testi tratti da canzoni del repertorio italiano?

Non mi stempio per il tempo del divertimento
Fuori dal tunnel di Caparezza

Nel grembo umido, scuro del tempio,
l'ombra era fredda, gonfia d'incenso

Il sogno di Maria  di F. De Andrè

Il sole mi parla di te
La luna mi parla di te

Luce di Elisa

Lo scrutatore non votante è come un ateo praticante

Lo scrutatore non votante è come un sasso che non rotola

Lo scrutatore non votante di S. Bersani

 Tesserò i tuoi capelli come trame di un canto

La Cura di F. Battiato

Bella come una mattina d'acqua cristallina
come una finestra che mi illumina il cuscino....
Calda come il pane grande come il mondo
calda di scirocco e fresca come tramontana
Bella di Jovanotti

Di amanti mantidi con manti di diamanti

Gli insetti del podere di Caparezza

Amo, amo è qualcosa di speciale
su e giù per lo stomaco è come un temporale
Amo, amo è il sugo sulla pasta
Una su un milione di A. Britti

Vedo già iniziare un battibecco
e qualche vacua discussione
su chi evacua meglio
e va quasi immediatamente detto

Sogno-B di D. Silvestri

Cosa nostra
Cosa vostra
Cos'è vostro
Pensa di F. Moro

e dopo una, due, tre, quattro, cinque settimane
come piccoli navigli continuare a navigare

Amore Mio di D. Silvestri

Esempi tratti da Matteo De Benedittis, Cantami o DJ...Lezioni parecchio alternative d'italiano, Milano, Kowalski, 2009.

(prof. Pisani)