Posizione della Principale nella frase
Inizio, Centro, Fine, Spezzata

testo - pag.1

Due lutti in casa Uzeda

Il brano è tratto dalla terza parte del romanzo "I Viceré" di Federico De Roberto, in cui si racconta della morte del principe Giacomo Uzeda di Francalanza e del passaggio effettivo del potere al figlio Consalvo

Consalvo non diceva nulla. Pensava, con paura, a quel male terribile che un giorno avrebbe potuto rodere, distruggere il suo proprio corpo in quel momento pieno di vita. Era il sangue impoverito della vecchia razza che faceva, dopo Ferdinando, un'altra vittima precoce, poichè suo padre aveva appena cinquantacinque anni. Sarebbe anch'egli morto prima del tempo, prima di conseguire il trionfo, ucciso da quei mali terribili che ammazzavano gli Uzeda giovani ancora? Suo padre avrebbe dato tutte le tutte le proprie ricchezze per vivere un anno, un mese, un giorno di più. Che avrebbe dato egli stesso, perchè nelle proprie vene scorresse il sangue vivido e sano di un popolano?

I Viceré, di F. De Roberto 

(prof. Chiodi)


lessico - pag.1

rodere (v.) = staccare con i denti minuti frammenti da un corpo solido e in genere molto duro. Per estensione consumare lentamente con azione meccanica o chimica

vivido (agg.) = intensamente pronunciato, chiaro, luminoso

popolano (n.) = del popolo, che appartiene al popolo

(prof. Chiodi)


guida - pag.1

- L'obiettivo di questa lezione è di porre l'attenzione su quella che può essere la posizione della principale all'intreno del periodo

Es.: Marco studia molto per superare l'esame; oggi, nonostante la pioggia, sono andato a passeggio; Marina, quando era bambina, amava i pattini

- Analizzando il brano di riferimento e la posizione della proposizione principale, ci si potrà rendere conto che la principale non occupa una posizione fissa all'interno del periodo, ma può trovarsi all'inizio, al centro oppure spezzata. Mettere in evidenza questi diversi casi sul brano stesso

- Provare insieme agli studenti a cambiare la posizione della principale, in un periodo preso come punto di riferimento. Cosa succede? Il significato in generale resta invariato, cambia lo stile espressivo

- Conclusioni: in base a ciò che si vuole comunicare e a come si vuole comunicare, la posizione della principale varia all'interno del periodo

(prof. Chiodi)


teoria - pag.1

La proposizione principale è una proposizione autonoma sia sul piano del significato, sia dal punto di vista sintattico. Essa non occupa una posizione fissa all'interno del periodo, ma varia per esigenze di espressione e di stile. Si può trovare all'inizio del periodo ma anche al centro oppure spezzata in più punti.

Es.: Mario oggi non è andato a scuola poichè era ammalato; quando ero bambina credevo che esistessero veramente i personaggi delle fiabe che mi raccontavano; oggi, benchè fosse guarito, Mario non è andato a scuola

Nella prima frase la proposizione principale è all'inizio, nella seconda al centro, nell'ultima spezzata in parte all'inizio e in parte alla fine

(prof. Chiodi)


esercizi - pag.1

1) Riscrivi il brano preso come riferimento solo con le proposizioni principali, togliendo le subordinate. Cosa noti? Quali sono le impressioni?

2) Formula delle frasi in cui la proposizione principlae sia diversamente collocata nel periodo

3) Con le frasi semplici contenute in ciascuno dei gruppi di frasi seguenti, formula un periodo costituito da una principale con subordinate:

  • Le ruspe sono in azione tutto il giorno / Gli abitanti del quartiere sono nervosi
  • Quel libro ti è piaciuto / Allora lo compro anche io
  • L'ispettore convocò i testimoni / Cominciò a interrogarli
  • Stavo andando in ufficio / Ho bucato gomma / Sono arrivata tardi

(prof. Chiodi)