i Complementi Indiretti del Verbo
di Moto a Luogo

testo - pag.1

Rosso Malpelo

Questo passo è tratto dalla celebre novella "Rosso Malpelo" di G. Verga. Ha come protagonista un giovane cavatore di sabbia emarginato dai suoi compagni di fatica, per la sua aspra selvatichezza

Però infine tornò alla cava dopo qualche giorno quando sua madre piagnucolando ve lo condusse per mano; giacchè, alle volte il pane che si mangia non si può andare a cercarlo di qua e di là. Anzi non volle più allontanarsi da quella galleria, e sterrava con accanimento, quasi ogni corbello di rena lo levasse di sul petto a suo padre. Alle volte, mentre zappava, si fermava bruscamente, colla zappa in aria, il viso torvo e gli occhi stralunati, e sembrava che stesse ad ascoltare qualche cosa che il suo diavolo gli sussurrava negli orecchi, dall'altra parte di montagna di rena caduta. In quei giorni era più tristo e cattivo del solito, talmente che non mangiava quasi, e il pane lo buttava al cane, come se non fosse grazia di Dio

(prof. Chiodi)


lessico - pag.1

sterrare (v.) = scavare, togliere terra da un luogo per costruirvi una strada, per impiantarvi le fondamenta di un edificio

accanimento (n.) = effetto dell'accanirsi, quindi persistenza, tenacia, furore

corbello (n.) = recipiente rotondo, di media grandezza, fatto di stecche di legno o di vimini

torvo (agg.) = che esprime astio o malanimo, minaccia o diffidenza, riferito allo sguardo o all'espressione del volto

(prof. Chiodi)


guida - pag.1

- L'obiettivo di questa lezione è di spiegare il complemento di moto a luogo

- Spiegare questo complemento che indica il luogo verso cui qualcuno o qualcosa è diretto. Dipende dunque, da verbi di movimento come "andare, scendere, salire, giungere ecc...". Es.: Io vado a casa; Mario domani tornerà a scuola; Paolo andrà a Firenze. In queste frasi il complemento di moto a luogo è introdotto dalla preposizione "a"

- Osservare la differenza tra queste due frasi: Io sono a casa; io vado a casa

In entrambe le frasi, troviamo due complementi introdotti dalla preposizione "a", ma con una differenza, quale? Nel primo caso, "a" introduce il complemento di stato in luogo, nel secondo caso il complemento di moto a luogo. Bisogna osservare il verbo e l'azione che esso esprime: nel primo caso, il verbo "sono" indica la permanenza in un luogo, nel secondo caso il verbo "vado" indica il movimento verso un luogo  

- Conclusioni: oltre che le preposizioni, che possono essere uguali per più complementi, bisogna osservare il verbo

(prof. Chiodi)


teoria - pag.1

Il Complemento di Moto a Luogo indica il luogo verso il quale si muove qualcuno o qualcosa.

Dipende da verbi o nomi che indicano un movimento verso un punto di arrivo.

Risponde alla domanda verso dove? verso quale luogo?

È introdotto dalle preposizioni  a, da, in, su  per, tra, fra.

Può essere costituito da particelle come ci e vi.

Può essere introdotto da avverbi:  lì, laggiù, là, verso e da locuzioni 

in direzione di, nei paraggi, nei dintorni.

Può essere costituito da avverbi come lì, laggiù o da particelle come ci e vi.

(prof. Verdona)


esercizi - pag.1

1) Componi delle frasi scritte con il complemento di moto a luogo con i seguenti verbi: tornare, andare, giungere, salire

2) Individua nel testo di riferimento i complementi di moto a luogo e prova a ricostruire la frase in modo diverso, conservando il complemento

3) Dov'è il complemento di moto a luogo nelle seguenti frasi?

  • Se vai al cinema portaci anche tua figlia
  • Siamo diretti a Parigi e andremo anche a Londra
  • Siamo andati a teatro a vedere un musical
  • Se vai a Disneyland ci porti anche me?

(prof. Chiodi)