il Sintagma Nominale
gli Attributi

testo - pag.1

Dialogo della Natura e di un Islandese

Questo brano è tratto dal Dialogo della Natura e di un Islandese, ambientato nell'Africa nera, in cui comincia a definirsi la concezione negativa della vita da parte del Leopardi. Il dialogo si svolge tra un Islandese, scelto per dare una certa connotazione di esotismo e lontananza, e la Natura a cui egli indirizza una serie di recriminazioni sulla misera e infelice condizione dell'uomo.

 

Vide da lontano un busto grandissimo; che da principio immaginò dovere essere di pietra, e a somiglianza degli ermi colossali veduti da lui, molti anni prima, nell'isola di Pasqua. Ma fattosi più da vicino, trovò che era una forma smisurata di donna seduta in terra, col busto ritto, appoggiato il dosso e il gomito a una montagna; e non finta ma viva; di volto mezzo tra bello e terribile, di occhi e di capelli nerissimi; la quale guardavalo fissamente; e stata così un buono spazio senza parlare, all'ultimo gli disse.

 

Operette morali di Giacomo Leopardi

(prof. Chiodi)


lessico - pag.1

busto (n.) = una rappresentazione, sotto forma di scultura, della parte superiore di una figura umana

erma (n.) = scultura raffigurante un volto o un busto umano e poggiante su un pilastro

colossale (agg.) = di dimensioni molto grandi. Sinonimi (enorme, gigantesco). Contrari (piccolissimo, minuscolo)

dosso (n.) = dorso, con la schiena appoggiata

buono spazio (espr.) = un bel po'

(prof. Chiodi)


guida - pag.1

-In questa lezione si chiarisce il concetto di attributo e della sua importanza nel contesto di una frase

-Dare la definizione di attributo, facendo degli esempi direttamente dal testo: busto grandissimo, ermi colossali

-Fare esempi per spiegare quando l'attributo ha valore accessorio (p. es. il cane marrone, la poltrona grande) e quando invece risulta essere necessario (i cibi bio sono salutari, odio le persone false)

-Fare individuare agli studenti gli attributi presenti nel testo

-Sostituire gli attributi presenti nel testo con un loro contrario. Ad esempio l'aggettivo colossale con minuscolo, oppure grandissimo con piccolissimo ecc... Cosa cambia nel testo?Che emozione suscita?

-Ora invece eliminare dal testo gli attributi utilizzati. Si capisce il significato di ciò che vuole dire l'autore?Ha senso?

-Conclusioni: gli aggettivi svolgono un ruolo importantissimo nel suscitare emozioni nel lettore e influenzano il significato dei sostantivi

(prof. Chiodi)


teoria - pag.1

Il termine attributo deriva dal latino attributu(m) "ciò che è attribuito", dal verbo "attribuere = attribuire". Infatti l'attributo è un aggettivo che accompagna un nome per precisarlo, attribuendogli una qualità o una caratteristica. Es.: Il vestito lilla di Aurora è costato molto. L'attributo è l'aggettivo "lilla" che attribuisce una qualità (il colore) al vestito, distinto perciò dagli altri vestiti. Nella frase, l'attributo non ha una sua funzione autonoma in quanto è sempre riferito ad un nome. Dunque, a seconda della funzione che ha nella frase il nome cui si accompagna, si può avere: l'attributo del soggetto, del complemento oggetto, di un complemento indiretto, dell'apposizione, del predicato nominale. La definizione per cui l'attributo è un elemento accessorio della frase è alquanto generica. In molti casi sicuramente ha questo valore; infatti serve a qualificare meglio un elemento della frase senza incidere in modo importante sul significato della frase. Es.: Aurora ha un cane marrone. In altri casi invece, non è semplicemente qualcosa in più che potrebbe anche non esserci, ma risulta parte integrante dell'elemento cui si riferisce e da cui non può prescindere. Es.: Odio le persone false (tra tutte le persone, odio solo quelle false); i cibi semplici sono molto salutari (togliendo l'attributo "semplici" la frase non avrebbe senso) 


(prof. Chiodi)


esercizi - pag.1

1) Individua tutti gli attributi presenti nel testo e componi con essi altre frasi

2) Scrivi cinque frasi in cui gli aggettivi seguenti abbiano funzione di attributo all'interno del gruppo del nome:

insistente, continuativo, modico, crudele, innocuo

3) Riformula le frasi seguenti sostituendo i complementi e le proposizioni scritte in neretto con un attributo di significato corrispondente:

In questa zona sono stati ritrovati dei resti della preistoria

Ho comprato una bella gonna a pieghe

Tuo fratello è un ragazzo dalla testa dura

Le giornate di primavera sono spesso molto ventose

In quella villa ci sono mobili di gran pregio

Hai commesso un errore al quale non si può porre riparo

(prof. Chiodi)